News

V.I.V.A. Sustainable Wine a Ecomondo

Pubblicata da Opera il 02/12/2013


 

Ad ECOMONDO, la più accreditata piattaforma per la valorizzazione e il riuso dei materiali e per la Green Economy, era presente anche il progetto V.I.V.A. Sustainable Wine. Il Vino Castello della Sala di Marchesi Antinori è stato, infatti, protagonista dell’evento Sostenibilità ambientale e qualità alimentare in mostra (e degustazione) , svoltosi il 6 novembre presso Il padiglione Città Sostenibile. In quell’occasione Corrado Clini, direttore generale per lo Sviluppo sostenibile, il Clima e l’Energia del MATTM (Ministero dell’Ambiente, della Tutela del territorio e del Mare), ha raccolto le esperienze di alcune aziende agroalimentari che hanno partecipato al Programma Nazionale per l’Impronta Ambientale con lo scopo di promuovere l’impegno delle istituzioni e del sistema produttivo verso la sostenibilità, il tutto con un’attenzione particolare rivolta allo smaltimento sostenibile dei rifiuti.

Il 7 novembre, nella Sala Camelia, si è svolto il Convegno Dalla water footprint ai certificati blu: strumenti e incentivi per migliorare le performace idriche dei cicli produttivi. Martina Hauser (Coordinatrice del Programma per la Valutazione dell'Impronta Ambientale) e Marco Trevisan (Professore Ordinario dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza) hanno presentato la Metodologia dell’Indicatore Acqua, spiegando come il progetto V.I.V.A. Sustainable Wine sia stato un precursore dell’analisi della Water footprint network nel settore vitivinicolo nazionale: tale metodologia, infatti, rispecchia in modo puntuale le caratteristiche del territorio nazionale, sfruttando e integrando al meglio le indicazioni del Water footprint network con i dati raccolti direttamente nelle aziende vitivinicole coinvolte nel progetto.






Pieter Ravaglia

Agroinnova

Realizzazione Software: Informatica Ambientale srl - Gestione Grafica: Ovis Nigra