News

Le applicazioni del Programma V.I.V.A. Sustainable Wine entrano nei bilanci di sostenibilità

Pubblicata da Opera_Focus Giugno 2014 il 30/05/2014

 

Mentre cresce il numero delle aziende che partecipano al Programma VIVA Sustainable Wine, le aziende già aderenti cominciano a volgere lo sguardo anche verso applicazioni diverse da quella della semplice etichettatura. E’ il caso ad esempio, delle aziende Planeta e Tasca che nel bilancio di sostenibilità del 2013 hanno quantificato il raggiungimento dei livelli di sostenibilità, relativamente all’impronta carbonica e a quella idrica.
Ciò dimostra che i produttori di vino che hanno scelto di seguire i disciplinari VIVA dispongono di uno strumento multifunzionale, finalizzato al graduale miglioramento dell’azienda stessa, da un lato, e ad una comunicazione rivolta al consumatore, sempre più corretta e trasparente, dall’altro.
Tutto ciò perché l’etichetta è emessa da un ente istituzionale ed è certificata da un ente terzo; perché si possono documentare i risultati attraverso bilanci di sostenibilità; perché la sostenibilità è misurata in modo scientifico. Si tratta di tre ottime ragioni per aderire al Programma VIVA Sustainable Wine.



Prof. Ettore Capri

ettore.capri@unicatt.it
Direttore Centro di ricerca Opera

Realizzazione Software: Informatica Ambientale srl - Gestione Grafica: Ovis Nigra