Indicatori

Indicatori

 

VIGNETO

L’indicatore VIGNETO prende in considerazione le pratiche di gestione agronomica del vigneto ed in particolare valuta l’utilizzo degli agrofarmaci e le relative conseguenze sui corpi idrici e sul suolo. Analizza inoltre gli aspetti legati alla biodiversità, alla gestione del suolo e alla fertilità. L’indicatore può essere elaborato sia considerando l’intera superficie aziendale, che la superficie dedicata alla produzione di uno specifico prodotto.

L’indicatore VIGNETO esprime un giudizio sulla performance di sostenibilità attraverso l’analisi di sei sotto-indicatori: difesa, concimazioni, compattamento, sostanza organica, erosione e paesaggio. In particolare analizza:

  • il rischio ambientale derivante dall’impiego degli agrofarmaci in base alle proprietà chimiche e ai limiti eco-tossicologici, valutandone l'impatto potenziale a seconda del tipo di terreno dell’azienda e alle caratteristiche idrogeologiche e meteorologiche della zona;

  • l’uso dei fertilizzanti organici e minerali, valutando gli effetti potenzialmente dannosi come l'eccesso di nutrienti nel terreno e la contaminazione dei corpi idrici. Valuta inoltre gli effetti sulla biodiversità in funzione della percentuale di sostanza organica, delle caratteristiche fisiche del suolo, del rapporto C/N, del contenuto in N, P2O5 e K2O e delle modalità di applicazione dei fertilizzanti;

  • le problematiche relative alla compattazione del suolo derivanti dalle operazioni colturali, con particolare riferimento all’utilizzo delle macchine agricole e dall’azione battente della pioggia;

  • l'evoluzione della sostanza organica nel suolo per effetto delle relative pratiche di gestione;

  • le perdite di suolo causate dall’erosione in relazione alle pratiche di gestione agronomica e all’uso delle macchine agricole;

  • l’influenza delle pratiche di gestione agronomica adottate sulla biodiversità.

L’utilizzo di tale indicatore permette di razionalizzare la gestione agronomica del vigneto perseguendo obiettivi di qualità e di gestione del territorio nel rispetto dell’ambiente.

I principali riferimenti metodologici utilizzati sono la Direttiva 2009/128/CE sull’uso sostenibile dei fitofarmaci e le linee guida dell’O.I.V. definite dalla guida CST 1-2008

REFERENTE:  Daniele D'Ammaro

Realizzazione Software: Informatica Ambientale srl - Gestione Grafica: Ovis Nigra